Resta il Listino per le regionali

Genova  – Un corteo con occupazione della sala del Consiglio regionale della Liguria per un migliaio di dipendenti delle Province che chiedono garanzie occupazionali per il futuro.
La manifestazione di protesta è partita dalla sede della Provincia di Genova, in pieno Centro cittadino ed ha poi raggiunto la sede del Consiglio Regionale.
Qui i lavoratori hanno occupato gli spazi riservati al pubblico ed hanno costretto il Consiglio ad una sospensiva.
I rappresentanti dei lavoratori hanno spiegato che, senza importanti novità dal Governo, al 31 dicembre 2014 chiuderanno le Province ma non c’è alcuna programmazione per il riassorbimento dei lavoratori nelle altre realtà.
Addirittura, invece, i sindacati denunciano la presenza di un emendamento in discussione in Parlamento che prevederebbe tagli per le spese del personale del 50% per le province e del 30% per le città metropolitane.
Inoltre ci sarebbe alla discussione anche il dirottamento di importanti introiti delle tasse che, ad oggi, erano di competenza delle Province.
I lavoratori temono per i loro posti ma ricordano ai Liguri che molte delle competenze delle Province, come i servizi e la manutenzione, sono ancora “materia oscura” per quanto riguarda l’affidamento e la responsabilità da parte delle altre Istituzioni.

La mobilitazione di oggi potrebbe essere solo un “assaggio” di quanto potrebbe accadere nei prossimi giorni quando la protesta diventerà nazionale e potrebbe trasformarsi in occupazione a tempo indeterminato della sala del Consiglio Regionale.