Genova – E’ stato arrestato il 50enne che lo scorso 21 dicembre aveva dato fuoco all’abitazione della convivente al termine di una violenta lite per futili motivi.
La donna ed il figlio di 15 anni si erano salvati grazie alla prontezza di spirito dei vicini di casa che avevano chiamato i vigili del fuoco.
L’uomo aveva utilizzato una tanica di benzina ed un accendino che sono stati ritrovati sul luogo del delitto e hanno permesso di inchiodarlo alle sue responsabilità.
Gli agenti della sezione “reati contro la persona” della Squadra Mobile di Genova lo hanno arrestato e trasferito in carcere.

Giustizia
Giustizia