download (1)Nuovo record di scioglimento per i ghiacciai della Groenlandia. A lanciare l’allarme è l’Organizzazione mondiale della meteorologia, che ha registrato uno scioglimento di oltre un millimetro nella giornata di lunedì 11 aprile. Si tratta di una cifra consistente, verificatasi sul 12% della superficie della calotta. I precedenti record avevano del 2010, 2006 e 1990 avevano interessato un’area pari circa al 10% della superficie complessiva, e si erano verificati nel mese di maggio. A preoccupare gli esperti dell’istituto danese è infatti anche l’eccezionale precocità di questo record, dal momento che in genere la stagione dello scioglimento va da giugno a settembre. A provocare l’anticipazione le alte temperature registrate ad aprile, con picchi fino a 17 gradi. “Si tratta di una situazione sorprendente – spiega Martin Stendel, dell’Omm – con basse pressioni ad ovest e ad est della Groenlandia che formano una cappa di calore sull’intero Paese”. Già a novembre dell’anno scorso, uno studio statunitense pubblicato sulla rivista Science aveva lanciato l’allarme per il collasso dello Zacharie Isstrom, un enorme ghiacciaio a nordest della Groenlandia contente una quantità tale d’acqua che, in caso di scioglimento, potrebbe innalzare di mezzo metro il livello globale delle acque.