Home Genova Cronaca

Polizia Locale, sì all’utilizzo delle bodycam

 

Genova – Via libera all’utilizzo delle bodycam per gli agenti della Polizia Locale.

Le telecamere personali saranno date in dotazione agli operatori del reparto Sicurezza Urbana e a quelli del reparto Pronto Intervento per i trattamenti sanitari obbligatori.

La decisione di dotare di telecamere alcuni agenti è arrivata con la sottoscrizione da parte dell’Amministrazione Comunale l’ipotesi di contratto collettivo decentrato integrativo da Cgil Fp, Fps e Uil Fpl riguardante la Polizia Locale.

L’esigenza operativa per il potenziamento delle iniziative di sicurezza urbana consentiranno la registrazione, tramite bodycam, di immagini in occasione di situazioni pericolose o a rischio al fine di perseguire il duplice obiettivo di contribuire ad assicurare elevati standard di sicurezza degli operatori della Polizia Locale e di poter acquisire nel caso di illeciti o di situazioni critiche tutti gli elementi utili all’accertamento e alla documentazione dei fatti che costituiscono reato.

È stata eseguita l’elaborazione preventiva di una valutazione di impatto, sottoposta agli organi competenti del Comune di Genova in materia di protezione dei dati personali.

Le bodycam potranno essere impiegate esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale.

Gli operatori avranno la facoltà di portare con sé i dispositivi che saranno attivabili esclusivamente dagli stessi operatori che li indossano.

È esclusa la possibilità di utilizzare il sistema per finalità di controllo dei lavoratori, per fini disciplinari o per la valutazione delle prestazioni lavorative.

I dati audio visivi raccolti potranno essere utilizzati per fini investigativi o per la ricostruzione dei fatti e saranno conservati per un tempo congruo, nel rispetto dei limiti di cui alla normativa vigente sul trattamento dei dati personali.

I file saranno messi a disposizione dell’operatore che ha proceduto alla registrazione per le esigenze di servizio connesse.
È un passo avanti per la tutela dei lavoratori della Polizia locale impegnati per la la salvaguardia della sicurezza urbana nel centro storico e nel resto della città e per quelli che mettono in atto trattamenti sanitari obbligatori.