Palasport Genova Genova – Tre piani, fino a 5mila spettatori per eventi importanti e 8 gradinate circolari: il nuovo Palasport è stato presentato ieri sera alla città tra curiosità e qualche “dubbio” sull’operazione economica che lo ha accompagnato.
La nuova arena, firmato dallo studio di Renzo Piano, è conforme alla normativa CONI e alla normativa FIP GOLD e potrà quindi ospitare eventi di rilievo a livello sportivo. All’interno, una parete fonoassorbente di 1.800 mq promette di aver risolto i gravi problemi di acustica presenti nella “vecchia versione” e un maxi schermo su 360° garantisce esperienze immersive per grandi spettacoli,
L’arena sportiva è stata concepita come uno spazio aperto e flessibile, con la possibilità di adattarsi in relazione agli eventi che vi si svolgeranno. Lo spazio centrale potrà quindi ospitare alternativamente: attività di allenamento delle federazioni locali, concerti e manifestazioni fieristiche.
«Questo Palasport – dichiara il sindaco di Genova Marco Bucci – non è solo un luogo per lo sport, ma un hub multifunzionale che può adattarsi alle esigenze mutevoli della nostra comunità. La versatilità degli spazi interni consente di ospitare diverse discipline sportive, migliorando l’accessibilità e l’utilizzo del nostro impianto. Abbiamo voluto garantire un’esperienza superiore agli spettatori e agli atleti. Dalla qualità delle sedute alla tecnologia acustica avanzata, ogni dettaglio è stato curato per creare un ambiente accogliente e stimolante per tutti coloro che varcheranno le soglie di questo Palasport rinnovato. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno lavorato instancabilmente per realizzare questo progetto».

«Una grande opera simbolo dello sport come volano di sviluppo economico e di aggregazione sociale – dice il presidente ad interim di Regione Liguria Alessandro Piana – di promozione di valori fondanti in una rete internazionale, attraverso le varie federazioni, e di sviluppo per le tante discipline che vedono protagonisti grandi campioni e tanti giovani. Potremo così arricchire il calendario delle nostre manifestazioni diventando un consolidato punto di riferimento e offrendo sempre di più a cittadini e turisti. Questo nuovo Palasport, Genova Capitale dello Sport per il 2024 e la Liguria Regione Europea dello Sport nel 2025 saranno i pilastri portanti di una ulteriore sfida per la nostra regione, che accorcerà ulteriormente le distanze tra i grandi campioni e il pubblico oltre a valorizzare tutte le associazioni e le tipologie di eventi. Il Palasport sarà sede di grandi eventi, dando risalto a tutte le categorie e allo spirito autentico dello sport».

«È una giornata storica per Genova: oggi presentiamo l’arena sportiva di un Palasport completamente rinnovato, con un’operazione che valorizza la funzione pubblica in un mix tra sport e grandi eventi, con una fortissima vocazione rivolta alla socialità e alle attività sportive, all’insegna dell’accessibilità, delle più avanzate tecnologie green e quindi della sostenibilità – sottolinea il vicesindaco e assessore ai Lavori pubblici Pietro Piciocchi – In questi anni abbiamo visto crescere, tassello dopo tassello, e prendere forma la grande suggestione urbanistica dell’architetto Renzo Piano, che ringrazio per aver seguito minuziosamente ogni passaggio del nuovo Waterfront di Levante, con l’obiettivo di restituire uno spazio vivo alla città, all’insegna della socialità e del legame tra Genova e il suo mare, con l’attenzione rivolta alle future generazioni che qui troveranno spazi per lo sport e per il divertimento, ma anche dove dare forma ai propri progetti nella Fabbrica delle idee. Ringrazio le maestranze, gli architetti e tutto il team di Cds Holding spa e RPBW Renzo Piano Building Workshop per il lavoro di questi mesi e per quello dei prossimi per arrivare al completamento del Waterfront».

«È un tassello importante anche all’interno di Genova 2024 Capitale Europea dello Sport – aggiunge l’assessore allo Sport e Turismo Alessandra Bianchi – Abbiamo voluto restituire in questa annualità così importante per Genova questo impianto che vivrà tanto anche di attività di base in connubio con grandi eventi nazionali e internazionali, sportivi e non, in una cornice straordinaria come il Waterfront di Levante, che beneficia anche della presenza del Jean Nouvel e della Casa della Vela e di tutto un contesto che amplifica ulteriormente il valore dello sport anche in chiave turistica».

L’impianto sportivo si articola su un piano interrato e tre livelli principali fuori terra. Al piano interrato è collocato il sistema di accesso con spazi che potranno essere adibiti a biglietterie. Al piano terra, l’area per la pratica sportiva: sotto gli spalti si trovano gli spogliatoi, i locali per le società, il locale di primo soccorso atleti, antidoping, deposito per carrozzine per atleti diversamente abili, gli spogliatoi per gli arbitri e gli ufficiali di campo. Gli spogliatoi sono conformi alla normativa CONI e alla normativa FIP GOLD.
L’impianto verrà dotato dell’attrezzatura sportiva prevista dalle norme FIP per due campi di gioco (uno GOLD e l’altro SILVER). Lo spazio di allenamento sarà in parquet certificato FIBA, mentre un campo smontabile certificato sarà allestito al centro dell’arena in caso di eventi di carattere nazionale. La dotazione sportiva sarà completata da 2 schermi informativi che fungeranno anche da tabellone segnapunti. Al secondo piano, uno spazio multifunzionale di circa 1.000 metri quadri che potrà essere utilizzato per l’attività sportiva, come zona eventi e per conferenze. L’impianto sarà dotato di un parcheggio interrato da 800 posti auto.
Il progetto, in coerenza con lo schema originale – la struttura è stata costruita nel 1962 su progetto del raggruppamento guidato dall’ingegnere Leo Finzi –, prevede spalti circolari distribuiti su 8 gradinate a forma di petalo, di cui 4 fisse e 4 retrattili. Le sedute sono distribuite lungo 15 cerchi concentrici che ricalcano le geometrie dell’edificio esistente, esaltandone la forma.
La nuova arena sportiva è dotata di un sistema di illuminazione perimetrale, alla sommità del cilindro fonoassorbente: 76 proiettori ad alte prestazioni garantiranno il livello di lux richiesti dalla normativa di riferimento e saranno posizionati in modo da evitare l’abbagliamento di spettatori e giocatori.
L’impianto è dotato dell’attrezzatura sportiva prevista dalle norme FIP per due campi di gioco (uno GOLD e l’altro SILVER). Lo spazio di allenamento sarà in parquet certificato FIBA, mentre un campo smontabile certificato sarà allestito al centro dell’arena in caso di eventi di carattere nazionale. La dotazione sportiva è completa da due schermi informativi, che fungeranno anche da tabellone segnapunti.
Il nuovo Palasport sarà in grado di soddisfare la maggior parte del proprio fabbisogno energetico attraverso l’utilizzo di fonti rinnovabili. La porzione di copertura, generata dall’ampliamento dell’anello esterno dell’edificio, farà da base per l’installazione di un manto fotovoltaico (2.800 metri quadri) e un sistema di scambiatori con acqua di mare si occuperà dell’alimentazione delle macchine per il raffrescamento/riscaldamento del fabbricato.
L’accesso principale all’arena sportiva è a raso dall’ingresso principale dell’edificio posto a nord-est, mentre l’ingresso per i tifosi ospiti avverrà dall’ingresso sud tramite le rampe di scale che conducono al piano interrato e da lì direttamente al settore ospiti. L’impianto dispone di 8 ascensori, due per ogni percorso di accesso all’arena: quattro sono dedicati ai giocatori e quattro agli spettatori. I due ascensori interni nella zona spettatori collegano il livello -1 al livello 2 garantendo l’accessibilità a tutti i livelli dell’impianto sportivo.

La cerimonia, fastosa e trasmessa in diretta Tv (a spese del Comune?) non ha però placato i dubbi sull’operazione “commerciale” poiché il Palasport torna di proprietà pubblica dopo una complessa operazione di compravendita.
Il complesso era stato venduto al Gruppo CDS per 14 milioni di euro e recentemente il Comune lo ha riacquistato, a lavori ultimati, per 23 milioni + Iva.
Da parte dell’Opposizione sono stati avanzati dubbi sull’operazione per vari motivi, il principale rappresentato dal costo dell’operazione e dal fatto che i costi di gestione, che si prevede saranno altissimi, resteranno sulle spalle dell’amministrazione pubblica che difficilmente rientrerà delle spese con l’attuale frequenza di eventi e manifestazioni programmate.

Rispondi