sexting revenge pornVentimiglia – E’ caduta in una trappola sui social preparata da un 28enne che mentiva sulla propria età e ha inviato alcune foto in abiti succinti e pose sexy e poi è stata ricattata. Una ragazzina di 14 anni residente nel ponente ligure ha trovato il coraggio di denunciare l’ennesimo caso di pedopornografia sui sociale e revenge porn.
Nei guai è finito un 28enne che, secondo le ipotesi investigative, si presentava sui social come coetaneo della ragazzina e poi ne conquistava la fiducia sino a intrattenere una sorta di relazione a distanza.
Il giovane riusciva a farsi inviare foto in abiti succinti e pose provocanti e poi minacciava le ragazzine di pubblicare il materiale sui social se non avessero accettato di inviare ben altro materiale e forte contenuto hard e pedopornografico.
Alle richieste imbarazzanti, però, la ragazza non ha ceduto ed ha trovato il coraggio di rivelare tutto ai genitori che hanno subito chiamato la polizia che ha rintracciato l’uomo e l’ha denunciato per pedopornografia e per i ricatti di natura sessuale.

Rispondi