reparto covid vuoto san martino Genova Fake newsGenova – Un video della durata di meno di un minuto per “denunciare” la presenza, all’interno dell’ospedale San Martino, di un reparto covid “inutilizzato”.
Il presunto “scoop” circola sui social dopo essere stato girato da un anonimo (che si è ripreso in uno specchio senza accorgersene e rivelando il suo volto) che sembra insinuare che l’emergenza covid non sia reale e che le immagini provino che gli ospedali non sono affatto in difficoltà per il numero di pazienti in arrivo a causa del boom di contagi.
Il riferimento all’infettivologo Matteo Bassetti, contestato dal mondo No Vax, aggiunge benzina sul fuoco e alimenta il diluvio di commenti che accompagna la pubblicazione del video.
Mentre il movimento complottista e negazionista “esplode, la direzione dell’ospedale San Martino diffonde una smentita e rivela il “fake”.
Il reparto non è affatto quello che descrive la persona che ha girato il video.

“In merito al video che sta circolando in rete – spiega la nota del San Martino – relativo all’intrusione lo scorso week end nel reparto di Malattie Infettive di un profilo in via di identificazione (inusitatamente e maldestramente si è ripreso ad uno specchio rivelando l’identità), si specifica che l’area in oggetto è dedicata alla sola somministrazione dei monoclonali, dunque è un piano che non prevede posti di degenza e di conseguenza appare disabitato per questa semplice ragione. In attesa di risalire all’identità del soggetto, la Direzione del Policlinico si è comunque subito attivata predisponendo, attraverso i suoi legali, una denuncia contro ignoti.

La Redazione di LiguriaOggi.it ha deciso di rimuovere l’immagine del presunto autore del video dalle immagini pubblicate e non la diffonderà perché ritiene che la persona possa, a suo modo, aver pensato di documentare un caso di malasanità.
Nel dubbio abbiamo quindi deciso di considerare il materiale come inviato da Fonte anonima e dunque da tutelare.
Saranno le indagini e chi è delegato ad amministrare la Giustizia a valutare la posizione della persona. Il nostro compito è Informare.

Rispondi