Genova- Con l’inizio dell’estate ritorna Liguria delle Arti, che mescola le diverse discipline artistiche, celebra tesori ed eccellenze del nostro territorio.
Si parte venerdì 24 giugno con il primo dei 12 appuntamenti a ingresso libero (fino a sabato 27 agosto), in alcune location della nostra regione.
Dall’entroterra alla costa, da ponente a levante, per visitare insieme le chiese e pievi millenarie di Levanto, Corono e Deiva Marina, per guardare la scultura in legno dorato di Filippo Parodi in Villa Faraggiana ad Albissola Marina e il dipinto di Giovanni Battista Carlone a Ceranesi, e osservare in diretta la maestria dei filigranati di Campo Ligure, per ammirare i giardini di Villa Borzino a Busalla e della Casa di Umberto Fracchia, l’importante letterario del primo ‘900, a Casarza Ligure.
Infine, si potrà visitare l’abbazia di Ronco Scrivia, come nella storia di Imperia Oneglia e del suo popolo di marinai-contadini.

12 eventi popolari e formativi, tra condivisione e riflessione ma anche divertimento, con ingredienti semplici: l’energia delle serate estive, le scenografie naturali, la vitalità dell’incontro, la malia della musica classica, della poesia e della prosa.
Liguria delle arti condivide in pieno la frase di Pablo Picasso:” L’arte scuote l’anima e la polvere accumulata nella vita di tutti i giorni”. Per questo, presenta al pubblico le opere d’arte e manufatti artigianali, rivelandone la storia grazie alla competenza e alla capacità divulgativa di alcuni esperti studiosi tra cui lo storico d’arte Giacomo Montanari.

Ci saranno alcuni passi letterari interpretati dagli attori Pietro Petruzzelli, Mauro Pirovano, Valentina Baldracco e dall’esecuzione live di musica eterna (Bach, Paganini, Verdi, Berio, Britten, Piazzolla…), ma anche grazie alla partecipazione dei musicisti della G.O.G (Giovine Orchestra Genovese), del Conservatorio Paganini di Genova, del Conservatorio Puccini della Spezia e del maestro Eliano Calamaro al violino.

“Abbiamo visto quanta bellezza c’è in Liguria. Ma la bellezza per il ligure è spesso frutto di una operosità capace di farsi concretezza attraverso la maestria artigiana. Quella maestria che celebreremo in questa edizione, sia attraverso prodotti la cui qualità è data anche dal legame con la zona di produzione originaria, sia attraverso il processo produttivo, identitaria dell’abilità dell’artigiano locale.” commenta il Direttore artistico Pino Petruzzelli.

Il programma di Liguria delle Arti, con inizio il venerdì 24 giugno alle ore 21 presso l’Oratorio di Nostra Signora di Castello a Savona (via Manzoni):
-La storica dell’arte Beatrice Istrua racconta il Polittico di Vincenzo Foppa e Ludovico Brea;
-Riccardo Guella il solista di chitarra classica della G.O.G;
-L’attore Pino Petruzzelli legge le pagine di Italo, Calvino, Giuseppe Mazzini, Camillo Sbarbaro.

 

Rispondi