Ceriale (Savona) – E’ entrato in caserma per dei provvedimenti senza indossare la mascherina e si è rifiutato di indossarla il 33enne di Ceriale ieri è stato denunciato dai Carabinieri della locale stazione.

L’uomo si è presentato in caserma perché doveva essere sottoposto al provvedimento di obbligo di dimora a Ceriale, con obbligo di presentazione una volta al giorno in caserma, emesso dal Magistrato di sorveglianza di Genova.

Il provvedimento è arrivato perché l’uomo, gira condannato a una multa di 4.500 euro per guida in stato di ebbrezza, non ha pagato l’ammenda.

All’atto dell’invito il 33enne aveva riferito al Comandante della Stazione che lui si sarebbe presentato senza mascherina poiché riteneva i provvedimenti adottati dal Governo un abuso.

Il Maresciallo allora lo ha avvertito che in tal caso sarebbe stato sanzionato secondo le norme vigenti.

In tarda mattinata, facendo fede alla “promessa”, l’uomo si è presentato in  Caserma senza la mascherina, rifiutandosi di indossarla.

Vista la situazione i Carabinieri non hanno potuto fare altro che notificargli, oltre al provvedimento  dell’obbligo di dimora,  anche  un verbale di euro 400 per mancato uso della mascherina.

Nel verbale l’uomo ha dichiarato che a suo avvio il COVID non causava la morte ma bisognava avere almeno un’altra patologia. Aggiungendo: “se la legge è ingiusta avete il diritto di non obbedire” , e ancora,  che La legge antiterrorismo e la costituzione italiana vietano di entrare nei luoghi pubblici con il volto coperto.