No green pass manifestazioneGenova – Giornalisti accerchiati, insultati e lancio di monetine contro un cameraman che stava riprendendo la manifestazione in piazza. Ancora gesti inqualificabili durante la manifestazione dei No Green Pass che si è tenuta sabato pomeriggio nel centro di Genova. Gli operatori dell’Informazione sono stati minacciati ed insultati mentre facevano il loro lavoro da persone rimaste al momento senza identità.
Facinorosi che anno aggredito verbalmente e non solo chi stava effettuando foto e riprese video e apostrofato come “puttana” una giornalista che stava raccontando proprio le loro richieste al Governo.
Comportamenti criticati in modo duro dall’Ordine dei Giornalisti e dall’Associazione dei Giornalisti della Liguria.

“Continuano a ripetersi le manifestazioni intimidatorie e di contestazione da parte dei manifestanti anti-green pass che hanno per bersaglio i giornalisti – si legge in una nota dell’Ordine dei Giornalisti – Anche ieri (sabato per chi legge) a Genova, tra lanci di monetine e insulti, si è ripetuto l’indegno copione di chi ha insofferenza per la libertà di Informazione e per il diritto di cronaca. L’Ordine dei giornalisti della Liguria e l’Associazione Ligure dei Giornalisti condannano severamente questi episodi tesi a creare un clima di intolleranza e intimidazione ed esprimono solidarietà ai colleghi impegnati a garantire una informazione puntuale ed obiettiva al servizio dei lettori”.

In particolare ha suscitato sdegno e preoccupazione il lancio di monetine nei confronti di un operatore che stava riprendendo la manifestazione per documentare le richieste dei No Green Pass al Governo.
Senza quelle riprese, nessun Media avrebbe potuto parlare di quanto stava avvenendo in piazza De Ferrari e nel centro di Genova, con un clamoroso “autogol” degli stessi manifestanti.

Anche la Cgil della Liguria ha espresso solidarietà ai Giornalisti impegnati a documentare la manifestazione.

“Durante la manifestazione di ieri (sabato per chi legge) dei no green pass – scrive in una nota la Cgil della Liguria – si sono svolti nuovi episodi di intolleranza nei confronti di alcuni giornalisti. La Cgil condanna questi comportamenti che vedono nella stampa uno dei nemici da abbattere. Si tratta di un atteggiamento pericoloso e lesivo della dignità delle persone, nonché miope, poiché tali personaggi non si rendono conto che è proprio grazie al lavoro della stampa che le loro istanze, giuste o sbagliate che siano, sono portate all’attenzione dell’opinione pubblica”.

“La solidarietà della Cgil – prosegue la nota – va a tutte e tutti gli operatori della comunicazione che quotidianamente svolgono il loro lavoro con grande professionalità, contribuendo in modo determinante alla difesa e allo sviluppo della libertà di stampa e di tutte le altre libertà sancite dalla nostra Costituzione”.