Genova – In occasione della ricorrenza del 20 novembre 2021, 32° Giornata internazionale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, il Garante dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza in Liguria propone sabato 20 novembre il convegno “Il bambino è persona (sta all’adulto riconoscerlo)”, al quale interverranno interlocutori istituzionali ed esperti in materia.
Il tema del riconoscimento del bambino = persona deriva da quanto Rousseau pronunciò più di duecento anni fa: “Nel fanciullo si cerca sempre l’uomo senza pensare a quello che egli è prima di essere uomo” e dall’opera del medico pedagogista Janusz Korczak dalla quale si evince il concetto della parità del “bambino” a confronto con l’adulto, non solo nei diritti concernenti le azioni del vivere ma anche nel rispetto dei suoi pensieri, del suo essere nel mondo presente, dell’essere così come è, dei suoi errori e della sua creatività.

Con l’iniziativa si intende, dunque, mettere al centro dell’attenzione i diritti dei minorenni sanciti nella Convenzione ONU adottata a New York nel 1989 e ratificata dall’Italia con Legge n. 176/1991, le criticità ed i nodi non risolti e “il superiore interesse del minore” contenuto all’art. 3, attraverso il quale si responsabilizzano i professionisti in campo legale, dell’assistenza sociale, della sanità e dell’informazione, come si evince dal programma dell’evento.

L’evento è riconosciuto (anche come formativo) da vari ordini professionali come avvocati, ass/sociali, psicologi, medici, giornalisti ed è curato dall’Ufficio regionale del garante per i minori che è Francesco Lalla, ex Procuratore della Repubblica di Genova.

(foto di Archivio)

Rispondi