priaruggiaGenova – E’ il comitato “Amici del Mare di Priaruggia” a lanciare la petizione online per dire basta agli scarichi fognari che inquinano sempre di più l’acqua della spiaggia pubblica di Priaruggia, nel quartiere di Quarto.

Come si legge nella petizione su Change.org, i cittadini sono preoccupati dalla qualità dell’acqua che negli ultimi anni è in costante peggioramento. Secondo quanto rilevato dai dati Arpal, anche nel 2024 questa sarà classificata come “scarsa”, ossia il livello più basso. E sarà così per il secondo anno consecutivo, dopo che era già accaduto nel 2023. E questo in appena pochi anni: nel 2019, infatti, l’acqua veniva classificata come “eccellente”.

A spaventare ancor di più i residenti è “il fatto che dopo 5 anni consecutivi con questa classificazione la legge impone un divieto permanente di balneazione“, si legge.

Di seguito, anche le richieste sia nell’immediato che per quanto riguarda il futuro che si leggono nella petizione lanciata online:

“NELL’IMMEDIATO :
a Regione Liguria, Città Metropolitana, Comune di Genova, (c.c. ARPAL e Asl 3), per quanto di rispettiva competenza e in ottemperanza al d.lgs 116/2008 (e a tutte le norme europee, nazionali e regionali), a tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente, di intraprendere i seguenti provvedimenti essenziali per eliminare le ben note cause dell’inquinamento:

  • Disporre i debiti controlli lungo l’intero alveo del Rio Priaruggia, per la ricerca di perdite ed eventuali sversamenti fognari illegali e per tutte le azioni necessarie volte ad eliminarli;
  • Disporre la dismissione o un congruo prolungamento della condotta fognaria di emergenza, per evitare la contaminazione della baia di Priaruggia dai reflui fognari riversati in mare dalla stessa.

A SEGUIRE, oltre ai provvedimenti essenziali di cui sopra, una attenta valutazione dei seguenti INTERVENTI STRUTTURALI:

  • la posa di un DIFFUSORE, opportunamente dimensionato, allo sbocco della condotta
  • la realizzazione di un sistema di depurazione naturale della zona di miscelazione dello scarico a livello del diffusore (tipo MUDS), come previsto dall’ art. 13 PTA Regione Liguria 2016/2021 vigente
  • la realizzazione di vasche di prima pioggia”

 

Rispondi