Genova – Ha continuato a molestare la compagna incinta arrivando a maltrattarla ripetutamente arrivando a tentare di strangolarla, per questo un uomo di 37 anni è stato arrestato dagli agenti della Polizia di Stato di Genova.

Il 37enne, a partire dallo scorso aprile, maltrattava la donna iniziando liti per futili motivi, spesso alterato da alcol e droghe.

Maltrattamenti, aggressori verbali, umiliazioni e percosse non erano mai state denunciate dalla donna per paura di ritorsioni.

In un’occasione l’uomo aveva minacciato di morte la compagna, arrivando a stringerle le mani alla gola; dopo qualche giorno l’aveva colpita con schiaffi al volto, pugni, calci, morsi, lanciandole contro un posacenere e ferendola al volto. Le volanti del Commissariato San Fruttuoso lo avevano denunciato.

Il 6 ottobre scorso la donna è stata costretta a rifugiarsi a casa di una vicina perché il compagno aveva tentato di strangolarla.

Gli agenti intervenuti sul posto avevano trovato la casa completamente a soqquadro, con diversi cocci di bottiglia sparsi a terra e numerosi coltelli in vista.

La vittima, che lamentava dolori a collo e costole, con ecchimosi al polso, graffi sulla fronte e il segno di un morso sulla spalla, è stata trasferita in ospedale dove è stata medicata e successivamente dimessa con una prognosi di 10 giorni.

Ieri i poliziotti del Commissariato San Fruttuoso hanno dato esecuzione all’ordine di misura cautelare in carcere emesso dal Tribunale di Genova per maltrattamenti contro familiari e lesioni aggravate e hanno condotto l’uomo nel carcere di Marassi.

 

Rispondi